I nostri figli stanno crescendo nell’era del web 2.0

L’era nella quale il web non è solo uno strumento per la diffusione delle informazioni ma anche di socializzazione. I dati ISTAT 2014 rivelano che nel 2014 oltre la metà dei bambini con almeno 3 anni di età (54,7%) utilizza il pc e oltre la metà della popolazione di 6 anni e più (57,3%) naviga su Internet.

La nuova tecnologia costituisce per loro il pane quotidiano mentre i genitori si affannano nell’uso dei nuovi mezzi. Sorgono quindi ansie e timori legati alla permanenza (spesso lunga) dei figli al computer o al cellulare, in perenne contatto non solo con gli amici e il contesto ambientale più vicino, ma volendo, col mondo intero.
Se poi pensiamo che la maggioranza dei fruitori della nuova tecnologia ricade in una fascia di età particolarmente vulnerabile perché nel pieno dello sviluppo, possiamo capire quanto sia necessario comprendere l’influenza che questi mezzi di comunicazione e relazione hanno sulla formazione della loro identità e personalità.

Ma soprattutto risulta necessario….. “rimanere connessi”!

Nel suo libro “Nativi digitali” il prof Paolo Ferri evidenzia che grazie alla diffusione di smartphone e tablet,  bambini e ragazzi risultano sempre connessi e in relazione con i coetanei: “i cellulari sono uno strumento facile e relativamente poco costoso per accedere a quella parte della vita sociale, di relazione e di apprendimento che si svolge all’interno dello schermo”. Ecco perché i social network risultano il mezzo preferito dei ragazzi per tessere e mantenere relazioni, diventando “un’estensione digitale” della loro sfera sociale. In questo “ecosistema mediale”, che comprende anche i videogiochi conclude Ferri, non c’è alcuna distinzione tra reale e virtualei nativi crescono, apprendono, comunicano e socializzano all’interno dei media digitali, non li utilizzano semplicemente come strumento di svago, sono in simbiosi con essi”.

Per i genitori che non fruiscono con dimestichezza delle nuove tecnologie è importante conoscerle, aggiornarsi, “giocarci”, per capirle e comprendere la nuova realtà in cui i figli sono inseriti.

Non tanto per chiedere loro l’amicizia su Facebook (non ce la daranno mai!!!) ma per parlare la stessa lingua, per comprendere il significato, le potenzialità e i rischi di ciò che tutti abbiamo l’opportunità di vivere in Rete….perché la padroneggiamo e non ci restiamo impigliati!

Se vuoi approfondire e conoscere il significato di parole come Web 2.0, Identità Digitale, chat , forum e molto altro vieni all’incontro

Internet e identità

giovedì 9 aprile alle ore 20.30
Centro Giovanile “Riviera Berica” – VIa Tormeno 35, Vicenza
Ingresso gratuito

Conducono la serata Natalia Sorrentino, psicologa e psicoterapeuta

Franco Milani , programmatore e sviluppatore SFW

nell’ambito dell’iniziativa “Genitori IN_Formazione 2014/15

Mandaci la tua adesione

Lascia una risposta

X